I chewing gum con xilitolo riducono il rischio di carie

Uno studio italiano conferma che lo xilitolo è amico dei denti

Un nuovo studio condotto dall’Università degli Studi di Milano e dall’Istituto di Clinica Odontoiatrica dell’Università degli Studi di Sassari incorona lo xilitolo come scudo anti-carie: masticando chewing gum con xilitolo si registra una riduzione di rischio relativo di contrarre nuove carie pari all’82%.

Lo xilitolo fa parte della famiglia dei polialcoli, sostanze non cariogene che hanno la peculiarità di non essere fermentate dai batteri del cavo orale e, quindi, di non consentire la formazione degli acidi che corrodono lo smalto. Infatti, gli acidi tendono a demineralizzare la superficie dei nostri denti, provocando la formazione di microlesioni reversibili dello smalto e della dentina che, a lungo andare, possono trasformarsi in cavità dentali. A differenza degli altri polialcoli, lo xilitolo è considerato anche cario-protettivo, perché svolge un’azione specifica contro gli streptococchi del gruppo mutans, principali responsabili dello sviluppo della carie1. Il consumo abituale di xilitolo riduce il livello dei batteri orali cariogeni fino al 75%2.

Masticare chewing gum senza zucchero ha anche un altro effetto positivo: la masticazione e la presenza di aromi stimolano la produzione di saliva che, oltre ad avere un effetto antibatterico, ristabilisce il pH corretto della bocca, interrompendo il processo di demineralizzazione dei denti e favorendo la loro rimineralizzazione.

Molti altri studi confermano i medisimi risultati: lo xilitolo è un dolcificante amico dei denti. Masticare chewing gum con xilitolo aiuta a neutralizzare gli acidi della placca3,4, riducendo il rischio di carie dentale3 e a rimineralizzare lo smalto dei denti e la dentina4.

Le linee guida ministeriali del 2015 sulla salute orale in età adulta, oltre a raccomandare l’uso corretto e regolare dello spazzolino e del dentifricio, introducono come ulteriore strumento di prevenzione il chewing-gum contenente xilitolo. Masticare chewing gum con xilitolo migliora l’igiene orale, ma non può sostituire l’uso dello spazzolino da denti e del dentifricio.

 

Riferimenti bibliografici
1 Clinical Oral Investigations, April 2013, Volume 17, Issue 3, pp 785–791, “Six months of high-dose xylitol in high-risk caries subjects—a 2-year randomised, clinical trial”, Guglielmo Campus, Maria Grazia Cagetti, Silvana Sale, Massimo Petruzzi, Giuliana Solinas, Laura Strohmenger e Peter Lingström, Università degli studi di Milano e Sassari.
2 Iran Journal of Microbiology 2012 Jun; 4(2): 75–81, “Effect of xylitol on cariogenic and beneficial oral streptococci: a randomized, double-blind crossover trial”, Tehran University of Medical Sciences.
3 EFSA Journal 2011; 9 (6): 2266 – Scientific Opinion on the substantiation of health claims related to sugar-free chewing gum sweetened with xylitol and plaque acid neutralisation, maintenance of tooth mineralisation, reduction of dental plaque, and defence against pathogens in the middle ear pursuant to Article 13 of Regulation (EC) n. 1924/2006.

4 EFSA Journal 2010; 8 (10): 1776 – Scientific Opinion on the substantiation of a health claim related to sugar-free chewing gum and neutralisation of plaque acids which reduces the risk of dental caries pursuant to Article 14 of Regulation (EC) n. 1924/2006.