chewing gum italiano

Spaghetti chewing gum: la meravigliosa storia del chewing gum italiano

ChewinGreen è il primo chewing gum italiano prodotto integralmente con ingredienti di origine naturale, lo sapete. Ma non è certo il primo chewing gum italiano. Le vicende che legano la gomma americana al nostro Paese sono davvero molto interessanti, e si intrecciano direttamente con la nostra Storia recente.

Nel luglio 1943 le truppe alleate sbarcano in Sicilia, da dove iniziano la loro risalita della Penisola nella guerra di Liberazione. I soldati americani, in particolare, hanno tra gli alimenti base delle razioni militari Coca Cola e chewing gum arricchiti di caffeina, per migliorare la concentrazione e la resistenza durante i lunghi, estenuanti combattimenti. Capita in continuazione che i soldati americani entrino in contatto con i nostri concittadini: i due popoli non si comprendono, erano nemici e si trovano improvvisamente dalla stessa parte della barricata, e in segno di benevolenza gli americani regalano agli italiani – e ai ragazzini in particolare – pacchetti di chewing gum, appunto.

Allora, i chewing gum dovevano sembrare una piccola grande magia dell’altro mondo, quello col Cinema e senza la guerra: un alimento che non si mangia in tempi di fame, ma con la straordinaria capacità di combattere lo stress, aumentare la salivazione e migliorare l’igiene orale, lasciando sempre una gradevole sensazione in bocca. Una gomma prodigiosa alla portata di tutti, una caramella incantata, quando nel nostro Paese mancano cibo, acqua corrente e uomini.

La fascinazione è grande, il chewing gum stesso diventa il simbolo di un’America non più da raggiungere, ma che è sbarcata qui in Italia portando con sé la fine della guerra e l’inizio del progresso. Masticando, l’Italia diventa occidentale, guascona, vincente. E lo comprendono benissimo i fratelli Egidio e Ambrogio Perfetti, imprenditori nel settore dolciario alle porte di Milano, che nel 1956 rilasciano dal loro Dolcificio Lombardo la celeberrima gomma da masticare Brooklyn: formato pratico e innovativo, nome americano (anzi: italo-americano!), ponte di Brooklyn come logo, un prodotto fortemente iconico. Il target è quello di una popolazione giovane, e la pubblicità a loro si rivolge: negli anni 80 gli spot si caricano addirittura di una forte sensualità, giocando con il sillogismo “se il chewing gum rinfresca l’alito e l’alito fresco migliora i baci, allora il chewing gum serve a baciare”.

Oggi quel tipo di comunicazione è in parte superata, e i clienti più consapevoli richiedono non solo un chewing gum italiano buono da masticare, ma anche sano, che faccia davvero bene all’igiene orale.

Per questo ChewinGreen utilizza esclusivamente ingredienti di origine naturale, per portare un passo in avanti la gloriosa storia del chewing gum italiano.